6 Dicembre 2018 – Firenze, Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento…

Sono Stefania Cassia, Formatore Cinofilo Certificato FCC e Istruttore Nazionale SICS (Scuola Italiana Cani Salvataggio).
La data sopraindicata è stata per me una giornata molto emozionante e davvero importantissima! Ho ricevuto infatti dal Presidente Nazionale SICS Ferruccio Pilenga la medaglia al valore cinofilo per gli incarichi speciali.
L’incarico speciale per cui sono stata premiata coi miei cani Joyce e Shakespeare, due golden retriever maschi, riguarda due progetti di volontariato.
Da un paio di anni sono infatti la figura responsabile, all’interno di una RSA di Melegnano, la Fondazione Castellini Onlus, che organizza due squadre di unità cinofile SICS. Operiamo nei reparti e al centro diurno. Portiamo, coi nostri cani, tutti brevettati per il soccorso in acqua, qualche ora di spensieratezza ai degenti e ai loro parenti. Ci fermiamo a chiacchierare con chi ha voglia di condividere pensieri, ricordi, sorrisi. Spesso non è facile entrare nelle stanze col sorriso e cercare di dispensare parole che in qualche modo possano allieviare situazioni o malattie altamente invalidanti. Abbiamo però, al nostro fianco, i nostri cani che, quasi sempre, catturano l’attenzione, tendono quel filo che fa scaturire un dialogo, catturano uno sguardo, allentano, seppur solo per qualche minuto, la tensione di una degenza, mitigano la tristezza. Spesso l’anziano si fa scappare una carezza e poi ci chiede quando torniamo…
E’ stato proprio grazie a questo incarico che, qualche giorno fa, sono entrata a Palazzo Vecchio col mio cane Shakespeare. Con noi altri istruttori che hanno ricevuto la benemerenza al valore cinofilo per salvataggi portati a termine, per incarichi come il mio o per altri riconoscimenti.
E’ stata una cerimonia mediatica molto importante, organizzata in maniera ineccepibile dal Presidente SICS Firenze Salvo Gennaro e dalla SCS (Scuola Cani Salvataggio).
La cosa impressionante è stata che eravamo in tantissimi: istruttori e allievi SICS di tutta Italia coi rispettivi cani, i quali sono rimasti attenti e composti per tutto il tempo della lunga premiazione.
Il mio incarico, giunto inaspettato un paio di anni fa dal Presidente Nazionale SICS Ferruccio Pilenga, mi ha fatto grande piacere ma, allo stesso tempo, mi ha preoccupata e perciò ho deciso di intraprendere un percorso che mi potesse dare gli strumenti per operare al meglio all’interno di tale contesto.
Mi sono iscritta ad un corso per operatori di Interventi Assistiti con gli Animali (IAA), mi sono certificata secondo le nuove linee guida nazionali, ho preparato i miei cani e ora sono iscritta al registro nazionale come operatore di Pet-Therapy.
Sono molto felice di aver fatto questa scelta anche se il corso e i rispettivi esami per portarlo a termine non sono stati semplici e mi hanno impegnata moltissimo.
Professionalmente questa certificazione mi ha dato la possibilità di operare come coadiutore del cane e responsabile di attività in progetti di Pet-Therapy che sto curando coi miei cani con grandissima soddisfazione personale, affiancata dallo psicologo e dal responsabile delle strutture dove operiamo e, come Istruttore SICS, responsabile nell’RSA di Melegnano, gli strumenti e le competenze per portare i miei cani e le unità cinofile della mia scuola a me assegnate con la preparazione necessaria sia a livello cinofilo che psicologico.
Posso concludere che, grazie alle esperienze professionali e di volontariato che sto vivendo, il cane, come eterospecifico, può davvero aprire dei canali di comunicazione che a noi umani sono negati e che il binomio uomo-cane può davvero raggiungere obiettivi insperati!
La Pet-Therapy si pone infatti come co-terapia in grado di facilitare le terapie vere e proprie, nonchè aprire delle vie per la socializzazione e l’integrazione.
Questo mio percorso cinofilo si sta evolvendo e ne sono molto felice… Ho toccato molti ambiti, dalla disciplina del salvataggio in acqua, che resta la mia prima e grande passione, coi voli dagli elicotteri e i tuffi dei cani dagli stessi, all’UD, alla ricerca, all’obedience fino a giungere alla Pet-Therapy.
FCC mi ha arricchita molto professionalmente perchè mi ha messa nelle condizioni di dover “spaziare” fra tutte queste discipline per farmi l’esperienza necessaria per poter sostenere l’esame di certificazione.
Ho frequentato infatti campi di addestramento, conosciuto e lavorato con istruttori, educatori ed addestratori. Ho imparato moltissimo dalle varie scuole. Ho anche dovuto studiare parti teoriche e legislative ma, alla fine, sono stata felice di aver fatto questo percorso individuale, seppur per nulla semplice.
Non è mia intenzione comunque fermarmi alla Pet-Therapy, ho ancora moltissimo da imparare, c’è solo l’imbarazzo della scelta!
Un sentito ringraziamento a FCC!

© 2017 Formatore Cinofilo Certificato srls | Partita I.V.A. 13104221000 | sede legale: via Achille Montanucci 20, 00053 Civitavecchia (RM)