fcc

CINO-CHIAREZZA

 

SITUAZIONE IN ITALIA DELLA PROFESSIONE CINOFILA

Per la professione cinofila non esiste una norma specifica nonostante ciò sono sempre più numerose le persone che scelgono di dedicarsi alla cinofilia e cresce sempre di più la richiesta e l’offerta di formazione in questo ambito.

CEN CWA 16979

Il CEN-CWA 16979 è il documento normativo di riferimento in ambito internazionale per educatori, istruttori e addestratori cinofili.

Tale documento è stato portato al tavolo del CEN e a conclusione da FCC con la rappresentante legale Cinzia Marconi e il project Leader Giammarco Tamburrini, la vicepresidenza al dottor Lorenzo Tidu del Ministero della Difesa, è stato approvato e firmato da tutte le associazioni presenti e per la sua importanza è stato reso valido fino al 2022.

Tale documento si ispira alla L.4/2013 e al EQF ‘08

L. 4/2013

La L. 4/2013 si occupa delle professioni non regolamentate in ordini e collegi e la professione cinofila rientra tra queste.

Andando ad analizzare quanto scritto in questa legge possiamo comprendere e fare chiarezza sulla differenza tra albi e registri, tra attestati e certificazioni, tra associazioni di categoria e organismi di certificazione e tra certificazione e accreditamento.

Questo risulta fondamentale tanto per gli attori quanto per i consumatori del settore cinofilia in modo da fare chiarezza e per evitare di cadere in informazioni e proposte non veritiere.

RUOLO ASSOCIAZIONI

Per prima cosa la L. 4/2013 stabilisce il ruolo delle associazioni e dichiara che queste non hanno vincoli di rappresentanza esclusiva e che l’arruolamento è su base volontaria pertanto non vi è alcuna differenza tra un professionista iscritto ad un’associazione di categoria ed uno che sceglie di non farlo. 

TIPOLOGIE DI ATTESTATI

Seconda cosa determina le tipologie di attestati che possono essere di prima, seconda o terza parte.

Gli attestati di prima parte consistono in una dichiarazione personale di conformità a criteri da rispettare, gli attestati di seconda parte invece sono rilasciati da associazioni o organismi esterni ma non indipendenti, l’attestato di terza parte invece è rilasciato da un Organismo di Certificazione esterno e indipendente.

L’ ATTESTATO DI QUALIFICA E’ RILASCIATO DALL’ASSOCIAZIONE SOLO RISPETTO AI SERVIZI PRESTATI.

L’ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE E’ RILASCIATO DALLE REGIONI O DA ENTI A LORO ACCREDITATI NELL’AMBITO DELLE COMPETENZE LORO RICONOSCIUTE ANCHE DALLA COSTITUZIONE IN MATERIA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE.

LA CERTIFICAZIONE STANDARD INTERNAZIONALE INVECE E’ SPENDIBILE A LIVELLO INTERNAZIONALE PERCHE’ FRUTTO DI CONTRATTAZIONI COLLETTIVE IN QUANTO REGOLAZIONE OGGETTIVA CHE VIENE RILASCIATA DA UN ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE DI TERZA PARTE E CERTIFICA:

  • CONFORMITA’ A REQUISITI SPECIFICI
  • VALUTAZIONE PREREQUISITI
  • SORVEGLIANZA PERIODICA
  • POSSESSO CAPACITA’ SPECIFICHE
  • RILASCIATA CON SUPERAMENTO DI PROVE SCRITTE, ORALI E PRATICHE
  • IL RINNOVO NON E’ AUTOMATICO

PER IL PROFESSIONISTA CINOFILO ESISTONO REGISTRI E NO ALBI

Terza cosa la L. 4/2013 vieta alle associazioni l’utilizzo di denominazioni professionali relative a professioni organizzate in ordini e collegi:

  • NO: ALBI – CERTIFICAZIONI – ACCREDITAMENTO
  • SI: REGISTRI – ATTESTATI

L’INSERIMENTO DI UN’ASSOCIAZIONE NELL’ELENCO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO NON COSTITUISCE UN RICONOSCIMENTO GIURIDICO DELLA PROFESSIONE ESERCITATA DAI PROFESSIONISTI.

ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE

Quarta cosa la L. 4/2013 promuove la costituzione di un Organismo di Certificazione.

ODC OPERA IN CONFORMITA’ CON LA NORMA UNI, CEN, ISO 17024 SECONDO I PRINCIPI DI:

  • INDIPENDENZA
  • IMPARZIALITA’
  • TRASPARENZA
  • RISERVATEZZA
  • COMPETENZA
  • NON CONFLITTO DI INTERESSE

Un ODC effettua la certificazione di conformità ossia la rispondenza di una persona, prodotto, processo o servizio a dei requisiti specifici.

CONCLUSIONE

  • Nessuna associazione, federazione o ente può certificare il professionista cinofilo.
  • I corsi di formazione non possono essere certificati ma qualificati.
  • La certificazione può essere effettuata solo da un ODC
  • L’attestato di qualifica è valido a livello associativo
  • La certificazione è oggettiva e spendibile a livello internazionale
  • La certificazione è spendibile e utile per ottenere punteggio

 

 

About the author

Giammarco Tamburrini

Add Comment

Click here to post a comment

EnglishItalian